Le tre fasi della storia dell'origano come additivo per mangimi

Uno studio definitivo stabilisce nuovi livelli raccomandati di fosforo e calcio per i maiali
luglio 12, 2022
Tre suggerimenti per l'industria degli additivi per mangimi di KDLFEED
luglio 18, 2022

Le tre fasi della storia dell'origano come additivo per mangimi

Palcoscenico 1: Il test
Presto 2002, un team di ricercatori ha pubblicato uno studio sostenendo che l'origano ha effetti benefici se usato come additivo per mangimi per il pollame. Il team aveva sede presso il Laboratorio di Nutrizione, Salonicco, Grecia, e hanno annunciato le loro affermazioni tramite la rivista scientifica di revisione della National Library of Medicine degli Stati Uniti, affermandolo “…aumentando l'olio di Origano dietetico…in particolare a 100 mg/kg di mangime [l'additivo per mangimi] esercita un effetto antiossidante sui tessuti di pollo.

Quattro anni dopo, uno studio di follow-up ha rilevato che questa erba ha avuto un effetto positivo nella lotta contro le infezioni. Pubblicando i loro risultati sulla rivista Archives of Animal Nutrition, il team ha spiegato come la loro ricerca abbia coinvolto un totale di 500 Polli Cobb invecchiati 120 giorni. Tre quarti dei quali sono stati infettati da E. Batteri della tenella, mentre l'altra parte è rimasta esente da malattia come controllo.

Nell'esperimento, la squadra lo ha osservato “l'integrazione con olio alimentare di origano ha comportato un aumento di peso corporeo e rapporti di conversione del mangime che non differiscono dal gruppo non infetto, ma sono superiori a quelli del gruppo di controllo infetto.” .

Ciò significa che i polli alimentati con origano come additivo per mangimi erano sani quanto gli uccelli non infetti. Coloro che sono stati infettati e hanno ricevuto solo un'alimentazione regolare erano più piccoli e meno sani.

Un ancora più recente 2005 studia, pubblicato sulla rivista di settore British Poultry Science, trovato quello, “…l'origano alimentare ha migliorato l'efficienza di conversione del mangime nelle femmine di tacchino a maturazione precoce, con la minima inclusione di origano ( 1.25 g/kg) dando una migliore redditività del mangime. Perciò, le foglie di origano essiccate possono essere utilizzate come promotore di crescita naturale a base di erbe per i tacchini a maturazione precoce.”

tuttavia, nonostante questa comprensione precoce dei benefici dell'origano, il suo utilizzo non si è diffuso fino a pochi anni fa.

Palcoscenico 2: La pratica
Nel 2013, un rapporto completo sull'argomento è stato pubblicato nel giornale del bestiame Progressive Diaryman, che ha scoperto che l'origano aveva dimostrato di essere un agente biologico efficace contro l'infezione. Il rapporto rilevava che i test sull'olio essenziale di origano avevano “inibito 19 di 25 ceppi batterici studiati, ha mostrato una buona efficacia contro quattro ceppi, e ha dovuto ammettere la sconfitta solo in due casi. L'origano è quindi considerato un killer di batteri.” ampio spettro naturale.

Ancora più promettente per gli agricoltori è quello “il vantaggio dell'origano rispetto ad altri composti è la dose efficace relativamente bassa e il gusto neutro della carne, latte e uova.”

Il rapporto prosegue spiegando come l'origano come additivo per mangimi abbia un'ampia gamma di comprovati benefici, compresa la lotta contro le malattie respiratorie, stimolando l'appetito, aumentando la stabilità intestinale, riducendo la flatulenza, e anche alleviare la stitichezza.

Inoltre, l'uso dell'origano come mangime per animali è risultato efficace contro le infezioni fungine. Come indicato nel rapporto, “Dose bassa [uso di olio essenziale di origano come additivo alimentare] è straordinario per il controllo dei funghi: la dose necessaria per uccidere 99.9 per cento di Candida lo è 111 volte inferiore ai farmaci.” Standard (calcio, magnesio, caprilato). In altri casi, una concentrazione di 0.1 percento o 0.01 la percentuale è già sufficiente per uccidere 90 per cento di Candida.” inoltre, “Sebbene possano essere applicate alcune restrizioni, i valori di laboratorio possono generalmente essere trasferiti all'uso pratico nell'allevamento.”

I benefici per la salute degli animali derivanti dall'uso dell'origano nei mangimi sono supportati dalla ricerca di Janet Garman, un esperto di metodi di agricoltura naturale. Segnalazione sulla rivista Timber Creek Farm, lei lo afferma. "Origano, insieme agli alimenti probiotici, porta a enzimi intestinali sani e flora intestinale. L'origano sostituisce l'uso di antibiotici nei bovini quando vengono nutriti in combinazione con probiotici e condizioni di vita sanitarie. È stato dimostrato che nutrire costantemente origano fresco o essiccato o olio più concentrato di origano tiene lontani i batteri e le malattie causate dai parassiti. Anche, l'alimentazione di origano o olio di origano aiuta l'intestino dell'animale a riprendersi e a guarire dalle malattie.”

Come bonus aggiuntivo, È stato anche scoperto che l'origano riduce la produzione di metano del bestiame, rendendoli più rispettosi dell'ambiente e più sani per l'ozono.

Come riportato dal quotidiano britannico The Independent, “I ricercatori dell'Università di Arhus in Danimarca ritengono che potrebbero aiutare a risolvere il problema [delle emissioni globali di gas serra] semplicemente somministrando origano al bestiame.”

Con il ricercatore capo Kai Grevson che lo afferma “L'origano contiene oli essenziali con un leggero antimicrobico chiamato carvacrolo, che può uccidere alcuni dei batteri nel rumine della mucca che producono metano.”

Palcoscenico 3: Il profitto
Lentamente ma sicuramente, un certo numero di piccole imprese stanno iniziando a vedere un profitto dalla vendita di origano come additivo per mangimi. Come riportato a settembre dal giornale di feed del settore Feed Navigator 2017, notando che Anpario, il fornitore specializzato di additivi per mangimi, è “cercando di sfondare il mercato delle uova nel Regno Unito con una prova di additivo all'origano” . Aggiungendo che l'azienda, “…non vede l'ora di raccogliere più dati sul suo additivo per mangimi a base di origano per la salute dell'intestino poiché rafforza la sua presenza nel settore dei rivestimenti nel Regno Unito.”

La Dostofarm, con sede in Germania, è in circolazione da allora 1999, ma solo ora sta iniziando a guadagnare terreno nel mercato come “Il popolo dell'origano” marca. Nel frattempo, in America, fornitore di naturale additivi per mangimi, Durvet, è cresciuto da un piccolo "uomo e furgone".’ operazione in 1970, ad avere “$169 milioni di fatturato annuo, mentre ogni anno è 21 azionisti e distributori indipendenti vendono più di $1 miliardi di prodotti per la salute degli animali e dell'agricoltura”. Sebbene l'origano costituisca solo una piccola parte di ogni singolo prodotto.

Ovviamente, l'elenco dei fornitori commerciali di origano da utilizzare come additivo per mangimi è ancora relativamente breve. Infatti, nessuno sa con certezza perché l'origano come additivo per mangimi non sia usato più ampiamente. Forse la scoperta è ancora troppo nuova. Forse il pensiero di un rimedio così semplice e naturale semplicemente non è credibile. I produttori di altri additivi per mangimi potrebbero parlare a voce troppo alta per non far sentire i benefici dell'origano.

Ma se l'elenco dei benefici dell'origano è così lungo, perché non ci sono più produttori di mangimi che lo richiedono come additivo per mangimi? Infatti, perché non lo prendiamo noi stessi?

Forse col tempo lo faremo. Mentre i timori per l'uso eccessivo di antibiotici continuano a crescere, forse ora l'origano inizierà ad essere utilizzato attivamente come additivo per mangimi. Ma chi sarà il produttore di mangimi a compiere il passo coraggioso di essere il primo, e come sarà la quarta fase dell'origano come storia di un additivo per mangimi?

I commenti sono chiusi.